domenica 29 marzo 2015

Ghirlanda di primavera

E insomma, pare proprio sia arrivata la primavera.
Ma sebbene i fiori siano già spuntati ovunque e gli uccellini cinguettino impazziti da settimane, io con questo freddo, questa pioggia e questo vento la primavera non la sento proprio.
Per me la vera primavera è quella dei miei ricordi d'infanzia, quando per la festa del mio compleanno (tra qualche giorno, ndr) si usciva a mangiare la pizza in camicetta senza giacca e si stava bene; quando per il ponte del primo maggio si andava a fare la grigliata in spiaggia e faceva così caldo che cavoli, quant'era la voglia di buttarsi in acqua! ma non ci si era portati dietro il costume, mannaggia.
Non certo questa qui, che a ridosso della Pasqua mi costringe ancora ad accendere la stufina mentre lavoro per scaldarmi i piedi congelati, a mettere i calzettoni di lana e a dormire col piumone -__-
Bene, dopo queste riflessioni da vecchia rompipalle di quelle che "ai miei tempi si stava meglio", oggi voglio condividere con voi il mio rimedio personale per portare un po' di primavera in casa, e cioè un nuovo progetto feltroso che spero sia di buon auspicio affinché questa benedetta primavera arrivi presto e sul serio.
L'ispirazione per questa ghirlanda-ramo di mandorlo mi è venuta dopo che un paio di giorni fa, sul balcone di casa, ho trovato un'apetta, tutta ricoperta di polline ma talmente intorpidita dal freddo da sembrare morta. Col mio uomo-esperto-di-api l'abbiamo messa in un vasetto, che abbiamo chiuso con un coperchio trasparente per poterla vedere e per non farla svolazzare in giro per casa, nel caso si fosse ripresa. Abbiamo scaldato il fondo del vasetto con l'asciugacapelli e abbiamo aspettato due minuti. Per fortuna, la nostra bottinatrice solitaria c'ha messo un niente a "resuscitare" e a riprendere a ronzare come una pazza, e quando l'uomo ha giudicato che era "calda" abbastanza da poter esser rimessa in libertà, l'abbiamo fatta volare via per la sua strada. E io ho pensato che chissà, magari quel polline veniva proprio dal mandorlo in fiore che vedo ogni giorno dalla finestrella della mia stanzetta creativa. 
Per realizzare una ghirlanda come questa, l'occorrente è:
 feltro, nei colori marrone, verde (di due diverse tonalità), bianco e giallo tenue
 filo semplice da cucito, nei colori giallo, marrone, bianco e azzurro chiaro
 filo mouliné giallo e nero
 un pezzetto di cordicella o filo da uncinetto azzurro a cui appendere la ghirlanda
 ago e spilli
 imbottitura sintetica
 fard o ombretto rosa pesca
 bastoncino di cotone (cotton fioc)
pistola per colla a caldo
✿ forbici appuntite e affilate
 carta e stampante per stampare le sagome in fondo a questo post.

PROCEDIMENTO
1. Stampa e ritaglia le sagome in fondo a questo post. Fissa la sagoma del ramo-ghirlanda sul feltro marrone e ritaglia. Quindi usa la ghirlanda di feltro appena ritagliata per ricavarne una seconda, perfettamente combaciante.
2. Unisci le due sagome di ghirlanda e cuci a punto festone e filo marrone, partendo dal "cerchio" interno. CONSIGLIO: è molto più semplice inserire l'imbottitura a mano a mano che si procede col cucire la ghirlanda, piuttosto che alla fine.
3. Usa la sagoma di carta e ritaglia tanti fiorellini di feltro bianco (io in totale ne ho usati 8). Usa un cotton fioc per picchiettare del fard rosa al centro di ogni fiore.
4. Usa il filo mouliné giallo per creare gli stami dei fiori: annoda un'estremità del filo, passa l'ago dal retro del fiore al centro e taglia il filo mouliné alla lunghezza desiderata, quindi separa il mouliné nei singoli fili da cui è composto.
5. Per creare le foglie, prendi un rettangolo di feltro verde, piegalo a metà sul lato lungo, fissa con uno spillo e ritaglia un semicerchio allungato. Incolla fiori e foglie sulla base della ghirlanda con una goccia di colla a caldo. CONSIGLIO: prima di incollare, fai delle prove per trovare la posizione di foglie e fiori che più ti piace.
6. Per fare l'apina, ricalca la sagoma di carta su un pezzo di feltro giallo con una semplice matita, quindi ritaglia a circa 5 mm di distanza dalla traccia a matita. Usa la sagoma di feltro appena tagliata per ricavarne un'altra identica. Unisci le due sagome e cuci con filo giallo a punto indietro (molto piccolo e ben stretto) lungo il tratto a matita. Lascia una piccola apertura, grande abbastanza da farci entrare una cannuccia; usa la cannuccia e un attrezzo lungo dalla punta arrotondata (io uso il manico di un pennello) per risvoltare il corpo dell'apetta. NOTA: prima di risvoltare, taglia il bordo in eccesso lungo la cucitura, facendo ben attenzione a non tagliare nessun punto.

7. Imbottisci l'ape e richiudi con punto nascosto. Per creare la testa, usa del filo mouliné nero: cuci da parte a parte, come in figura, con punto satin, finché non copri completamente il feltro giallo sottostante. Tira saldamente il filo ad ogni passaggio. Chiudi con un nodo su uno dei due lati della testa, taglia il filo e dividilo in due (3 fili per parte) per formare le antenne. CONSIGLIO: per renderle più uniformi, puoi usare una goccia di colla vinavil per incollare assieme i 3 fili che formano ciascuna antenna.
8. Crea le strisce dell'ape con filo mouliné nero cucendo da parte a parte, come per la testa. Nascondi il nodo iniziale su di un lato dell'ape, lungo la cucitura del corpo (tirando bene, il nodo va a nascondersi tra i punti); chiudi con un nodo in fondo al corpo dell'ape, a mo' di pungiglione.
 
9. Per creare le ali, piega un pezzetto di feltro bianco e ritagliane un piccolo petalo. Apri e cuci le ali così ottenute con un paio di punti al loro centro, usando filo bianco. Usa del filo semplice da cucito azzurro per attaccare l'ape alla ghirlanda: passa l'ago attraverso il corpo dell'ape, partendo dal pungiglione e uscendo vicino alla testa, quindi infilalo in mezzo ai punti festone della ghirlanda ed esci sul retro della stessa; fai un nodo per fermare il filo, facendo attenzione che l'ape sia posizionata al centro della ghirlanda. Usa un pezzo di cordicella o filo da uncinetto azzurro per creare un cappio, che farai passare dal retro della ghirlanda (sotto al nodo del filo a cui è attaccata l'ape) attraverso i punti festone sulla sua sommità.
Ed ecco fatto, ghirlanda pronta :-)
Primavera, io ti aspetto! Tu però non metterci troppo!

11 commenti:

  1. Un progetto davvero semplice e bellissimo. Quell'apina è davvero simpatica.... Grazie per la condivisione e speriamo che la primavera arrivi davvero. Ciao

    RispondiElimina
  2. Bem primaveril e de fácil execução!
    Um domingo...bem BOM!!!

    RispondiElimina
  3. Bravissimi per aver salvato l'ape! Hai ragione per il tempo... dita incrociate per quest'anno.
    Grazie per il bellissimo tutorial!

    RispondiElimina
  4. Com'è carina questa ghirlanda, davvero perfetta, grazie!! Mi dispiace proprio non avere tempo per prepararla!

    RispondiElimina
  5. Un progetto davvero molto bello per questa primavera che sembra ancora un po' timida!!!

    Un bacione
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
  6. Grazie, grazie. Un po' di primavera ci vuole proprio e la tua ghirlanda è bellissima
    Baci Francesca

    RispondiElimina
  7. Come sempre, hai fatto un lavoro meraviglioso ... ma quell'apetta? La voglio, è troppo tenera :) (e che bravi a salvare quella vera!!!)
    Con una ghirlanda così, la primavera arriverà in un battibaleno ;)

    RispondiElimina
  8. So darling! Thank you for this sweet tutorial!

    RispondiElimina
  9. Bellissima ghirlanda e bellissimo tutorial, grazie!
    L'aspetta e troppo deliziosa!!!

    RispondiElimina
  10. Ahhhh soooo cute ..... you're a clever clever lady x
    Happy Sunday
    Love Jooles x x x

    RispondiElimina